Come volevasi dimostrare (2): il problema è l’indebitamento privato

Ennesima riprova del fatto che il problema fondamentale che i governi devono affrontare oggi non è l’indebitamento pubblico ma quello privato (ne ho parlato qui e qui, spiegando le dinamiche qui): i debitori privati (famiglie e imprese) non riescono a ripagare i creditori privati (banche). Ecco che i governi devono intervenire a valle di un accumulo di debito privato per salvare gli istituti di credito (1600 miliardi il conto fra il 2008-2011 secondo la Commissione Europea) e sostenere con le briciole famiglie e imprese.

Prova di questa situazione viene fornita anche dal Supplemento al Bollettino Statistico della Banca d’Italia del 9 aprile 2013. Ecco due immagini eloquenti tratte dal documento (entrambe a pagina 30):

SOFFERENZE BANCARIE B ITALIA

Questa prima immagine mostra un ulteriore aumento delle sofferenze bancarie registrato a febbraio, ossia dell’ammontare dei prestiti che le banche (i creditori) non si vedono ripagati dai debitori. Ma chi sono i debitori che non riescono a ripagare?

SOFFERENZE BANCARIE B ITALIA 2

Come vedete si tratta, nella quasi totalità dei casi, di famiglie e imprese (società non finanziarie).

Daniele Della Bona

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...